Progetti

Sviluppo del territorio a impatto zero

Gli alberghi diffusi possono essere strumenti per rigenerare borghi, paesi e centri storici, creando le condizioni per rivivere luoghi altrimenti destinati all’abbandono. E’ così che al posto dei classici servizi troviamo veri e propri racconti del territorio interpretati in una nuova prospettiva di futuro. Gli alberghi diffusi possono diventare veri e propri presidi sociali e culturali, stimolando iniziative e coinvolgendo l’intera filiera dei servizi locali.

Borgodifiume albergo diffuso

Fiumefreddo Bruzio (Cs) CALABRIA, Sotto il segno del bello, del buono e del sano

Il “vivere bene” e il “mangiare bene” è la filosofia del progetto Borgo di Fiume. La creazione di una comunità ospitale è stato il primo intento per dar vita al progetto, perché solo coinvolgendo le persone nel recupero del patrimonio immobiliare ed enogastronomico si può garantire lo sviluppo del progetto. Si dà subito vita ad una cooperativa di comunità per lavorare insieme su progetti per il recupero di ciò che si sta perdendo, dalle antiche ricette a rischio di estinzione a tavole rotonde sui temi della dieta Mediterranea, sulla salute e sul trittico grano, olio e vino.

Borgo di Fiume è una vera e propria filosofia di vita che oggi ha un suo orto condiviso, un’enobirreria con degustazioni e una bottega con prodotti di origine biologica e naturale. L’ideatore di Borgo di Fiume è il medico senologo Raffaele Leuzzi che attraverso il motto “il bello, il buono e il sano” svolge la sua opera di sensibilizzazione alla prevenzione precoce dei tumori.

Borgopetelia albergo diffuso

Strongoli (Kr) CALABRIA, Permanenza dell’architettura ed ecodesign

Borgopetelia nasce dalle prime ricerche sul campo svolte dalla società di architettura Neaitos che sceglie Strongoli per svolgere con gli studenti dell’Università di Perugia studi e progetti in prospettiva di uno sviluppo sostenibile dell’area ricadente nella valle del fiume Neto, nell’alto marchesato crotonese. Dalla donazione di un edificio privato alla società Neaitos si svilupperà quello che oggi è l’albergo diffuso Borgopetelia, frutto della sinergia tra proprietari di altri edifici storici che hanno condiviso l’intento di ridare vita al borgo semi abbandonato di Strongoli.

Il risultato è un intervento di recupero architettonico attento alla originalità del costruito storico con arredi di ecodesign frutto di estro e raffinatezza. Borgopetelia racconta di un luogo ricco di storia aperto al futuro attraverso l’architettura e il design.

Vai al sito

Welfare culturale e sviluppo locale

Nelle aree interne e nei borghi emergono sempre più iniziative di innovazione sociale che mettono in relazione attori locali ed esterni, saperi contestuali e competenze esterne. Seppure i semi dell’innovazione debbano agire all’interno, sempre più spesso questi semi vengono portati da attori esterni. E’ proprio a partire da queste esperienze che si può orientare una nuova politica che superi l’impostazione settoriale per assumere un carattere multifuzionale. Un’agire locale che possa connettere passato e futuro e che consideri i temi dell’ambiente e della cultura come asset strettamente connessi all’ innovazione sociale, all’ economia, al turismo, alla tecnologia, alla qualità della vita e alla ruralità.

Mea Memoria rigenerare la memoria territoriale

Civita (Cs) CALABRIA, Antropologia applicata, arte pubblica, design di comunità
Da un villaggio di origini etniche italo-albanesi prende vita un progetto di rigenerazione della memoria. La cultura immateriale contenuta nella memoria e nell’idioma italo-albanese diventa la leva per ricollocare il senso dei luoghi e di una comunità con 6 secoli di storia. Un evento imprevisto segna profondamente la piccola comunità di Civita e l’economia indotta dalle sue risorse culturali e paesaggistiche. Nell’agosto del 2018 dieci escursionisti perdono la vita percorrendo il torrente Raganello. L’associazione Gennaro Placco intraprende un percorso di rigenerazione del territorio attraverso l’antropologia applicata, il design di comunità e l’arte pubblica, al fine di stimolare nuove visioni e attivare energie positive.